Consulenze scientifiche e servizi alle aziende

Il Centro di Ricerca “Sport Montagna e Salute” ha in essere diverse collaborazioni con importanti aziende vicine al mondo dello sport.
Il centro mette a disposizione il proprio know how  e i propri laboratori ed attrezzature per sviluppare in piena sinergia con le aziende progetti di ricerca per la valutazione, lo sviluppo e il marketing dei prodotti con particolare riferimento all’analisi delle problematiche connesse all’uso dei prodotti sportivi nelle diverse situazioni di utilizzo.
Le valutazioni delle attrezzature finite o dei prototipi delle aziende viene effettuato simulando in laboratorio l’ambiente e le condizioni nella quale la persona andrà ad utilizzare il prodotto garantendo in questo modo la maggiore ripetibilità della misura, eventualmente associando analisi sul campo per rinforzare la validità dei risultati ottenuti in laboratorio.


Valutazione biomeccanica

Le richieste di valutazione biomeccanica da parte delle aziende che possono essere  effettuate presso il Centro di Ricerca “Sport Montagna e Salute” vanno dalla valutazione delle caratteristiche biomeccaniche del gesto (misura delle forze in gioco, analisi cinematica tridimensionale, valutazione delle pressioni plantari) all’analisi fisiologica del gesto (economicità funzionale, misura dell’attivazione muscolare, energetica del movimento).

Valutazioni in ambienti estremi

La validazione delle caratteristice peculiari dei prodotti  delle aziende non può che essere fatta rispettando le caratteristiche climatiche dell’ambinete in cui il prodotto andrà a lavorare.
La sempre maggiore attenzione verso attrezzature all’avanguardia richiede alle aziede notevoli sforzi nello sviluppo di materiali e di tecnologie di produzione. La validazione del capo nel suo insieme ed in particolare nel proprio campo di utilizzo permette agli sviluppatori del prodotto di verificare le proprie ipotesi basandole su risultati sperimentali.
Il laboratorio ambienti estremi ha una superficie di 20m² e può ospitare numerosi soggetti, ricercatori e  diverse strumentazioni di laboratorio. Le condizioni ambientali possono andare da una temperatura di -20°C a +40°C con umidità relativa dal 20 all’ 80%. Per simulare ambienti di alta montagna la pressione parziale d’ossigeno può essere inoltre abbassata fino a simulare una quota di 9000m. La possibilità di  operare in ambienti a temperatura controllata permette di valutare correttamente la dispersione termica degli indumenti.
Grazie ad una particolare termocamera è possibile valutare in modo statico e dinamico l’irraggiamento e identificando quindi eventuali punti di dispersione di calore.
Questa tecnica è molto  apprezzata dalle aziende produttrici in quanto permette di intervenire in modo puntuale sulla causa della dispersione termica.